Assassinio di Graziella Mansi, sindaca Bruno: “Andria darà una degna sistemazione alle spoglie della bambina”

163 Visite

“Andria non dimentica. Mai. Ho incontrato i genitori di quell’anima pura. Per altre ragioni e per condividere la sofferenza di una perdita che si fa fatica, da madre, ad accettare”.

Così la sindaca di Andria, Giovanna Bruno, oggi ricorda Graziella Mansi, la bambina di 8 anni il cui corpo carbonizzato venne ritrovato, esattamente 21 anni fa, nel bosco ai piedi di Castel del Monte, non lontano dalla bancarella gestita dai suoi familiari. Per la sua morte, cinque giovani andriesi sono stati condannati in via definitiva, ma la città non ha mai dimenticato quella tragedia e “tra le cose che identificano la nostra comunità -come sottolinea la stessa prima cittadina- c’è anche la impensabile, ma incredibilmente vera, storia di Graziella”.

La sindaca ha preso l’impegno di dare finalmente una “degna sistemazione” alle spoglie della bambina. “Se ne farà carico l’amministrazione”, ha garantito. “Questa che rappresento e che si stringe, tutta, al ricordo e alla preghiera. Oggi come allora. Graziella, Andria ti abbraccia”.

Promo