Acqua e fogna per la marina di Ostuni, studio tecnico-economico dell’Acquedotto pugliese

88 Visite

“Dopo l’incontro di qualche settimana fa, l’Autorità idrica pugliese ha incaricato Acquedotto pugliese di predisporre uno studio tecnico-economico per dotare di acqua e fogna la marina di Ostuni. Appuntamento a novembre per verificare lo stato delle attività”. Lo dichiara il presidente della commissione regionale bilancio e programmazione Fabiano Amati.

“C’è la necessità di completare il servizio idrico integrato in un’area di sicura attrazione turistica è così preservare la qualità delle acque di balneazione e delle acque sotterranee. L’incarico di presentare una proposta di fattibilità, conferito dall’AIP all’AQP, serve a comprendere le migliori soluzioni tecnico-economiche, in grado di giustificare l’autorizzazione per le spese di progettazione e realizzazione delle opere di estensione delle reti idriche e fognarie. Nel frattempo, auspico che l’Amministrazione comunale di Ostuni verifichi la titolarità pubblica della rete viaria interessata dalla proposta di infrastrutturazione, ad evitare intoppi nella realizzazione delle opere”.

“Nel prossimo mese di novembre, come già annunciato, sarà riconvocata una riunione tra cittadini interessati, Amministrazione comunale, AIP e AQP, per verificare l’andamento del procedimento. Per raggiungere l’obiettivo auspicato, faccio presente il bisogno di realizzare, da un punto di vista strettamente tecnico, attività preliminari di potenziamento degli schemi di adduzione, consistenti nella sostituzione della condotta di alimentazione del Canale principale al nuovo serbatoio di Ostuni, prevedendo la realizzazione di una nuova dorsale lunga 9,8 km. È necessario, inoltre, un incremento di volume del serbatoio per 27mila metri cubi, oltre ad una nuova condotta di alimentazione da Ostuni a Villanova. Dalla realizzazione di queste opere di potenziamento deriverebbe la necessità di approntare una nuova rete, lunga 11 km, così da servire tutte le utenze della marina ostunese non ancora servite” conclude.

Promo