Movida selvaggia in Salento, più vigilanza a Porto Cesareo

80 Visite

Stretta sulla movida selvaggia a Porto Cesareo (Lecce). Dopo il vertice in Prefettura di giovedì scorso, la sindaca Silvia Tarantino ha firmato due ordinanze, seguite da una determina dirigenziale, per contrastare gli assembramenti e i ripetuti atti vandalici che si sono susseguiti in queste settimane in cui la località balneare ha fatto registrare 200mila presenze al giorno, facendo saltare gli equilibri di una cittadina di appena seimila abitanti.

Sarà implementata la sorveglianza sul territorio con un servizio di vigilanza privata non armata, con cinque agenti che per 6 ore al giorno pattuglieranno tutte le spiagge libere del territorio comunale situate tra gli stabilimenti balneari, e in particolare nei tratti Le Dune-Tabu’, Torre Lapillo centro, zona Palude Fede-Punta Prosciutto per evitare assembramenti e scongiurare feste e falò. La vigilanza sarà estesa anche alle fermate serali/notturne dei bus navetta e ai parcheggi de Le Dune e Piazza Buonarroti. Previsto anche il divieto di vendita per asporto di bevande contenute in bottiglie e bicchieri di vetro, con l’obbligo per gli esercenti fino al prossimo 30 settembre -dalle ore 24 alle 5 del giorno successivo- di utilizzo di contenitori monouso per la somministrazione al pubblico.

Per quanto riguarda i numerosi sovraffollamenti nelle case in affitto, sono previste sanzioni fino a 500 euro ai proprietari delle abitazioni che non rispetteranno i limiti.

Promo