L’avvocato del detenuto evaso: “Era fuggito perchè preoccupato per un famigliare”

238 Visite

Sarebbe evaso dal carcere di Trani perché preoccupato per le condizione di salute di un famigliare e, dopo aver accertato che sta bene, ha deciso di costituirsi. Ci sarebbe questa motivazione – secondo fonti difensive – alla base della fuga del 28enne Giuseppe Antonio De Noja dal penitenziario di Trani, avvenuta il 26 agosto scorso e conclusasi stamattina, quando il pregiudicato si è presentato negli uffici della Questura di Bari accompagnato dal difensore, l’avvocato Massimo Roberto Chiusolo. Agli investigatori De Noja ha detto di non voler rilasciare dichiarazioni e, dopo l’arresto in flagranza, è stato portato in carcere a Bari.

Nelle prossime ore il pm di turno di Bari Marcello Barbanente chiederà la convalida dell’arresto al gip e poi gli atti saranno trasmessi per competenza alla Procura di Trani, che aveva già aperto un fascicolo sull’evasione. Non è escluso che anche l’altro detenuto evaso insieme con De Noja, il 22enne Daniele Arciuli, si costituisca presto. Nella casa dove vive la famiglia di Arciuli, a Bari, ieri gli agenti della Squadra mobile hanno eseguito un’altra perquisizione e sentito alcuni parenti. Il difensore del fuggitivo, l’avvocato Giuseppe Buquicchio, in contatto con la famiglia, auspica “che la vicenda arrivi al piu’ presto a soluzione”.

Promo