Agricoltura, Cia Puglia: prezzi crollano, anguria vale meno dell’acqua minerale

144 Visite

Una bottiglia d’acqua minerale da un litro è pagata più di quanto venga riconosciuto ai produttori per un chilo di anguria e perfino ai rifiuti alimentari che finiscono in discarica, in molti casi hanno un costo di conferimento superiore al valore riconosciuto agli agricoltori per i loro prodotti. A denunciarlo è Raffaele Carrabba, presidente di CIA Agricoltori Italiani della Puglia ricordando come la scorsa primavera le ciliegie pugliesi avessero un prezzo ai produttori inferiore fino a 15-20 volte da quello imposto ai consumatori nei supermercati.

Ancora una volta il prezzo delle angurie è crollato tanto da renderle non conveniente raccoglierle, una situazione analoga si registra per il melone, per le patate, a volte per le lattughe così una parte cospicua del raccolto è rimasto a marcire nei campi.

“Anche attraverso i fondi del PNRR -sottolinea Carrabba- occorre lavorare a un riequilibrio dei prezzi, favorendo le aggregazioni tra produttori per aumentare il potere contrattuale degli stessi nei confronti della grande distribuzione organizzata e realizzare grandi campagne d’informazione e promozione dei prodotti italiani”.

Promo