Bando da 18 milioni di euro per aiuti alle imprese del Tac Salento andato deserto, Delli Noci: “Apportate modifiche”

93 Visite

Per due volte il bando per aiutare le imprese salentine del settore tessile è andato deserto, per questo motivo sono state apportate modifiche alla legge che definisce i criteri e destina i fondi. A disposizione 18,6 milioni di euro per sostenere programmi di investimento e innovazione nell’ambito dei settori dell’abbigliamento e del calzaturiero.

Si tratta di “un bando promosso da Invitalia in accordo con la Regione Puglia per la reindustrializzazione del Tac -dichiara l’assessore allo Sviluppo economico, Alessandro Delli Noci- che sarà rimodulato a seguito delle modifiche apportate sulla legge e che è finalizzato a supportare il rilancio di un settore, quello tessile calzaturiero della provincia di Lecce, in ripresa dopo anni di crisi. Questo grazie alla caparbietà di alcune aziende che hanno saputo riposizionarsi e che oggi hanno bisogno di un ulteriore impulso”.

Le modifiche alla legge saranno presentate e discusse a Casarano, nel Leccese, e all’incontro prenderanno parte Delli Noci e alcuni rappresentanti della Direzione generale per gli incentivi alle imprese del ministero dello Sviluppo economico. Tra le modifiche introdotte il limite dell’investimento minimo previsto, che passa da 1.500.000 euro a 1.000.000 per le imprese in forma singola o associata, e a 400.000 euro per le imprese partecipanti ai Contratti di Rete. “Si tratta di un bando andato deserto ben due volte -continua Delli Noci- perché presentava per gli imprenditori locali alcune criticità. Ci confronteremo con le imprese e il partenariato economico sociale”.

Promo