Covid, Loredana Capone: “A Lecce il museo Castromediano è un museo che cura”

90 Visite

“Un museo che ‘cura’. Perché l’arte non è solo contesto ma soprattutto pretesto. Per valorizzare gli artisti, tenere viva la memoria, coltivare l’anima, mettere insieme le persone, favorire i talenti, raccontare storie di successo, oppure di fallimenti che con la determinazione si sono trasformati in successi. Un’occasione per interpretare la vita osservandola da un angolo straordinariamente diverso dove diversità è comprensione e il contrario della divisione. È così che abbiamo immaginato il museo Castromediano con il direttore Gigi De Luca. Quello che vediamo oggi è il frutto di visioni condivise, sacrifici condivisi e, certamente, importanti investimenti pubblici”: lo scrive su facebook la presidente del Consiglio regionale pugliese, Loredana Capone, che questa mattina ha visitato il museo leccese che ospita anche un centro di vaccinazione anti-Covid.

“Questo -aggiunge- è il frutto del lavoro appassionato di chi il museo lo abita tutti i giorni, da tanti anni, e senza il quale nulla sarebbe stato possibile. Ed è questa passione e questo amore che ne hanno fatto in questi mesi anche hub per le vaccinazioni. Perché non è la stessa cosa aspettare il proprio turno in silenzio in una sala d’attesa d’ospedale piuttosto che farlo allietati da un pianoforte o da un violoncello. È un’altra cosa poter passare quei venti minuti colmi d’ansia seduti o avere l’opportunità di muoversi tra un piano e l’altro per ammirare una collezione archeologica o una mostra d’arte contemporanea”.

Promo