PD, Oddati: “Candidato condannato per ex Ilva si autosospenda”

82 Visite

Il commissario provinciale del Pd di Taranto, Nicola Oddati, ha chiesto all’ingegnere Salvatore De Felice, già capo dell’area Altiforni dell’ex Ilva e condannato in primo grado a 17 anni nel processo “Ambiente Svenduto” legato al siderurgico dell’epoca Riva, di autosospendersi dal partito, che pure a livello locale lo ha ricandidato come capolista alle amministrative di ottobre a San Giorgio Jonico, suscitando critiche.

Nel 2016 fu il più votato della lista. “La candidatura di Salvatore De Felice nella lista del Pd di San Giorgio Jonico -commenta Oddati- è stata decisa dal circolo locale. Non contravviene al codice etico del Pd e non ci sono impedimenti normativi. Tuttavia è evidente che essa risulti inopportuna e incompatibile con la linea politica che il Partito Democratico si è dato sia sul processo Ambiente Svenduto, che più in generale sulla vicenda legata all’ex Ilva”.

Per questo motivo, spiega il commissario provinciale, “gli ho chiesto di autosospendersi dal Pd e di evitare iniziative e ogni altra attività di campagna elettorale. Ogni iscritto e militante del Pd deve avere a cuore la reputazione del partito oltre che la propria. Sono certo che De Felice comprenderà le ragioni di questa posizione e vi aderirà senza frapporre alcun ostacolo”.

Promo