Boccia (PD). “Elogio a Salvini? Emiliano è fatto così, resta agli antipodi della Lega”

83 Visite

“Ma Michele è Michele…”. Per Francesco Boccia che lo conosce bene ‘l’elogio a Salvini’ di Michele Emiliano di qualche settimana fa non significa che il governatore pugliese sta facendo il doppio gioco o pensi addirittura, secondo alcuni, a un movimento tutto suo. Semplicemente, assicura all’Adnkronos l’ex ministro degli Affari regionali del Conte bis, dialogare e ammiccare, anche alla destra, fa parte del carattere dell’ex magistrato alla guida della Regione Puglia.

Emiliano non sembra un po’ un corpo estraneo al Pd? ”Ma no”, taglia corto Boccia, che ricorda: ”Avete dimenticato lo striscione di benvenuto che nel 2013 Emiliano, allora sindaco, fece trovare sulla facciata del Comune in piazza Massari a Berlusconi quando il presidente di Fi venne a fare un comizio elettorale a Bari?”. ”È il suo modo di essere cortese con gli stranieri”, dice sorridendo al telefono l’ex ministro, attuale deputato e responsabile enti locali dem, per poi farsi serio e spiegare: ”Lo dico perché l’anno scorso Salvini iniziò la campagna elettorale per le regionali, dicendo che avrebbe cacciato tutti, compreso Emiliano e non rendendosi conto che i pugliesi non si cacciano dalla Puglia… Dopodiché, va detto che con la Lega noi siamo e restiamo agli antipodi”.

Promo