Caporalato e sfruttamento in Puglia: ispezioni 51 aziende agricole

148 Visite

Violazioni in materia di lavoro e legislazione sociale e di sicurezza in azienda agricole pugliesi. In attuazione al Programma Su.Pre.Eme.

Italia, la provincia di Foggia e i comuni di Margherita di Savoia, Trinitapoli e San Ferdinando di Puglia sono stati interessati da una attività di vigilanza coordinata dall’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Foggia in collaborazione con l’Ispettorato Interregionale di Napoli e gli Ispettorati Territoriali del Lavoro di Napoli, Campobasso-Isernia, Bari, Roma, Reggio Calabria e Brindisi.

L’attività di vigilanza, svolta nel periodo compreso tra luglio e agosto, ha interessato gli agri in cui era in corso in via prevalente la raccolta del pomodoro e che storicamente è caratterizzata da un massiccio utilizzo di manodopera extra-UE. Nel corso degli accertamenti sono state ispezionate 51 aziende agricole e verificate le posizioni lavorative di 394 lavoratori, di cui 265 provenienti da Paesi extra-UE. Sono state riscontrate violazioni in materia di lavoro e legislazione sociale e di sicurezza sui luoghi di lavoro riferite a 85 lavoratori, dei quali 42 occupati “in nero”. Oltre alle sanzioni, sono stati emanati 3 provvedimenti di sospensione dell’attività di altrettante aziende per la presenza accertata lavoratori completamente “in nero”, tra i quali 6 braccianti agricoli provenienti da Paesi extra-UE privi di permesso di soggiorno per motivi di lavoro.

Promo