Rapina a titolare caseificio, vittima colpita a calci e pugni. Arrestati due fratelli

160 Visite

Il titolare di un caseificio del quartiere San Pasquale di Bari, un gravinese di 59 anni, è stato aggredito e picchiato ripetutamente a calci e pugni nel corso di una rapina subita nell’attività commerciale da due malviventi che sono stati poi arrestati dai poliziotti di una Volante della Questura.

I rapinatori sono fuggiti dall’esercizio commerciale a bordo di una utilitaria che però è stata avvistata e intercettata pochi minuti dopo mentre percorreva via Caldarola al quartiere Japigia. È iniziato un inseguimento al termine del quale, nonostante gli speronamenti subiti dalla loro vettura e da un’auto in sosta, i poliziotti hanno finalmente bloccato i fuggitivi bloccando la corsa dell’auto e arrestandoli. Si tratta di due fratelli baresi, pregiudicati: il primo ha 46 anni ed è gravato da un avviso orale del questore, il secondo ne ha 42.

Erano entrati nel caseificio e sotto la minaccia della pistola che però non hanno mai mostrato, hanno aggredito con inaudita violenza la vittima. Quindi hanno rubato il suo telefono cellulare in modo che non chiedesse aiuto. Poi, dopo averlo bloccato, non trovando denaro in cassa, si sono accontentati di alcuni prosciutti e beni in vendita per poi darsi alla fuga, non prima di aggredire nuovamente la vittima.

L’uomo, trasportato al Policlinico per le cure del caso, ha riportato contusioni in volto ed un trauma facciale guaribili, salvo complicazioni, in una settimana.

Promo