Edison e Snam firmano per tre impianti di idrogeno verde a Brindisi, Taranto e Cerignola

90 Visite

Tre impianti di produzione di idrogeno verde in Puglia, a Brindisi, Taranto e Cerignola (Foggia). È questa la finalità del memorandum of understanding firmato da Edison e Snam, insieme a Saipem e Alboran Hydrogen, che già avevano sottoscritto un accordo di collaborazione lo scorso gennaio, per lo sviluppo del progetto Puglia Green Hydrogen Valley.

“È una delle prime iniziative per la produzione e il trasporto di idrogeno verde su larga scala in Italia, uno dei principali protagonisti della strategia di decarbonizzazione europea, nel mix energetico nazionale in modo da raggiungere i target italiani ed europei al 2050 di neutralità climatica”, si legge nella nota diffusa dalle società.

“La capacità complessiva degli impianti è di 220 MW, alimentati da una produzione fotovoltaica per una potenza totale di 380 MW. Si stima che, una volta a regime, siano in grado di produrre fino a circa 300 milioni di metri cubi di idrogeno rinnovabile all’anno”, è scritto nella nota.

Per il progetto di Brindisi è stato già avviato l’iter autorizzativo per un impianto di produzione di idrogeno verde mediante elettrolizzatori con una capacità di 60 MW.”Puglia Green Hydrogen Valley consentirà di valorizzare e coinvolgere importanti realtà regionali, tra cui l’Acquedotto Pugliese, le Ferrovie Appulo Lucane, i Distretti tecnologici e produttivi pugliesi, il Politecnico di Bari, l’Università di Bari, di Foggia e del Salento. Per la realizzazione del progetto, i partner prefigurano la costituzione di una società di scopo: Alboran 30%, Edison 30%, Snam 30%, Saipem 10%”, conclude la nota delle società.

Promo