Ex Ilva, Peacelink: “Non ignorare eccessi mortalità a Taranto”

85 Visite

“Una recente pubblicazione scientifica su Environmental Research del lavoro di ricerca sulla mortalità di Taranto, ha certificato, con significatività statistica, 1.020 decessi in eccesso dal 2011 al 2019, nei 3 quartieri nord della città (i più vicini al polo industriale), rispetto ai valori attesi calcolati su base regionale. Lo afferma in una nota il presidente di Peacelink Taranto Alessandro Marescotti, aggiungendo che si tratta di “una palese violazione del diritto alla vita che lo Stato avrebbe il dovere di proteggere”.

“Questa ricerca -sottolinea- ci spinge a chiedere azioni risolutive perché è evidente, dai dati pubblicati, che ogni anno che passa muoiono troppe persone che hanno la sola colpa di vivere troppo vicine alle ciminiere dell’ex Ilva”.

Promo