Mobbing, Tribunale del Lavoro di Taranto condanna il Comune di Roccaforzata al risarcimento di un dipendente

114 Visite

Condanna esemplare inflitta al Comune di Roccaforzata, caso eccezionale per un ente pubblico, che rappresenterà un precedente importante per tanti dipendenti vessati sul luogo di lavoro. Con una decisione coercitiva, il giudice Lorenzo De Napoli della Sezione Lavoro del Tribunale di Taranto, ha emesso sentenza di condanna per il Comune del tarantino, obbligandolo al risarcimento in toto del dipendente C.G.F., riconoscendogli a titolo riparativo l’indennizzo di € 43.846,26 “per danno biologico differenziale e morale, con interessi legali e diritto al rimborso di spese mediche per danni a lui causati dalla condotta mobbizzante perpetrata da parte del datore di lavoro”.

Trattasi di un episodio che rientra nella fattispecie penale del cosiddetto mobbing sul posto di lavoro. La vergognosa vicenda risale ab origine al 2010 quando il neo dipendente C.G.F. entrava nella compagine del Comune di Roccaforzata, assunto con regolare concorso nel ruolo di istruttore tecnico geometra presso l’ufficio Urbanistica e Agricoltura.

Sin dai primi mesi il dipendente veniva sottoposto a molteplici atti lesivi della sua dignità sfociati in un trattamento di isolamento progressivo da parte dei colleghi. Gli atti persecutori, configurati nel reato di mobbing, andavano dall’inflizione di sanzioni disciplinari pretestuose, trasferimento da un ufficio all’altro, privazione degli strumenti minimi di lavoro, confinamento in stanze non adeguate sino al licenziamento in seguito ad una segnalazione anonima. Grazie al ricorso al Tar di Lecce ed al giudice del Lavoro di Taranto il dipendente vessato si è visto annullata l’ipotesi di licenziamento, reputato dai giudici illegittimo, nonché emessa sentenza di reintegro al lavoro del geometra comunale.

Purtroppo l’intervento del Tribunale amministrativo non è servito da deterrente, non vedendosi mutate le azioni vessatorie e il mobbing sul lavoro che, anzi, progressivamente si inasprivano, riverberandosi ciò sulle condizioni di salute di C.G.F. Constatato che l’ammonizione all’Amministrazione comunale di Roccaforzata di “danno materiale, biologico differenziale, esistenziale e morale provocati dalla condotta mobbizzante” rimaneva inascoltata, il geometra si è visto costretto ad appellarsi all’Autorità Giudiziaria che ha stabilito una sentenza di condanna al Comune di Roccaforzata, imputandolo di aver compiuto un reato penalmente perseguibile contro il dipendente comunale C.G.F., riconoscendo il danno subito e, dunque, il diritto ad un congruo risarcimento per gli atti “mobbizzanti” inflittogli.

Il dipendente vittima di mobbing è stato difeso nella sua battaglia legale contro il Comune di Roccaforzata dagli Avvocati Maria Luigia Tritto e Cataldo Tarricone, che da anni assistono legalmente l’Anmil Taranto. A far vanto pubblico della sentenza propizia al lavoratore molestato è stata la stessa Associazione fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro, che per voce del vicepresidente nazionale, Emilio Deandri, si è pronunciata sulla vicenda mobbing del Comune di Roccaforzata, affermando che “la sicurezza sui luoghi di lavoro non si ottiene solo con il rispetto della normativa, ovvero adottando tutte le precauzioni e fornendo i lavoratori dei dispositivi di protezione individuale previsti dalla legge”.

Il vicepresidente dell’Anmil ha tenuto a puntualizzare, altresì, che “è altrettanto necessario garantire ai dipendenti quella condizione di serenità sul posto di lavoro che permette loro di concentrarsi, senza distrarsi pensando magari al mutuo da pagare senza stipendio, o, peggio, alle angherie subite mentre si lavora. È un malessere psicologico che fa vivere male il malcapitato –evidenzia Deandri- arrivando persino a creare quell’attimo di distrazione che può provocare un incidente sul lavoro. Questo accade sovente nelle aziende private, in cui troppo spesso imprenditori avidi sacrificano la tutela del lavoratore alle logiche del profitto, ma non dovrebbe mai accadere in un ente pubblico”.

Promo