Covid, carabiniere no vax morto a Gallipoli. Associazione UnArma: “Il virus non si combatte a mani nude. Vaccinatevi”

57 Visite

” L’episodio è e resta triste e amaro, ci lascia attoniti e addolorati nella constatazione che un collega non c’è più ed altri ancora lottano per guarire, ma al contempo deve esserci da chiaro monito e farci riflettere: il virus c’è ancora e miete silenziosamente vittime e le miete servendosi proprio di noi.” È quanto si legge in una nota diffusa da Unarma Puglia , sul caso del carabiniere in servizio al N.R.M della Compagnia di Gallipoli, morto dopo aver contratto il Covid e che per scelta personale non si era voluto vaccinare.

“Per questo motivo, questa associazione sindacale pugliese invita ogni carabiniere alla responsabilità delle proprie scelte e delle proprie azioni, ponendo al centro della disputa sempre la sicurezza, propria e degli altri -ivi compresi i nostri familiari- dentro e fuori dal servizio, quale ineludibile cardine per la lotta al virus e il corretto e sicuro espletamento dei delicati compiti cui siamo chiamati ad assolvere”.

“Il covid-19 è un nemico! Un nemico invisibile, subdolo e mortale che -conclude la nota- non si può pensare di combattere a mani nude e senza armi e protezioni, soprattutto da chi è chiamato, ogni giorno, in prima persona, sui campi di battaglia”.

Promo