Scommesse online e viagra, così il dipendente Asl approfittava dei mezzi dell’ospedale di Monopoli

199 Visite

Dal computer dell’ospedale di Monopoli, dove lavorava come responsabile del magazzino economale, il 64enne Cosimo Recchiuto avrebbe visitato per mesi siti di scommesse sportive e siti pornografici.

Nello stesso periodo, tra la fine del 2018 e i primi mesi del 2019, si sarebbe procurato dall’ospedale farmaci, soprattutto Viagra, che poi avrebbe consegnato a più persone, non identificate, con tanto di indicazioni sulle modalità di somministrazione, in cambio di denaro e favori. Sono alcuni dei dettagli che emergono dagli atti dell’inchiesta della Procura di Bari che ha portato oggi alla notifica di 10 avvisi di garanzia per i reati di peculato, peculato d’uso, abuso d’ufficio, traffico di influenza illecite e ricettazione. Al dipendente Asl viene contestato anche di aver sottratto dall’ospedale San Giacomo toner, decine di rotoli di carta igienica, bicchieri di plastica, flaconi di detersivo e penne, per poi rivenderli a commercianti della città.

Oltre a Recchiuto, sono indagati otto commercianti e un dipendente 61enne di una societa’ esterna, la Sanitaservice della Asl, con funzioni di ausiliario nella farmacia dello stesso ospedale. Era lui, secondo la Procura, a procurare a Recchiuto i farmaci che poi questi distribuiva, con la complicita’ – ritengono gli inquirenti – di personale dell’ospedale. Per queste condotte il 64enne risponde anche di somministrazione di farmaci in modo pericoloso per la salute pubblica ed esercizio abusivo delle professioni di farmacista e medico.

Promo