A Molfetta è crisi in Consiglio comunale. Il Sindaco: “Prossimo lo scioglimento”

181 Visite

“Con l’uscita dalla maggioranza dei gruppi consiliari di “Obiettivo Molfetta” e “Popolari” e le dimissioni dei rispettivi assessori di cui ho preso atto revocando i loro incarichi, si sono create le condizioni per un prossimo scioglimento del Consiglio comunale e l’ennesimo arrivo di un commissario prefettizio”. È lo sfogo di Tommaso Minervini, sindaco di Molfetta (Bari), dopo che nel corso dei lavori dell’assise cittadina di ieri la sua maggioranza ha perso alcuni pezzi mandando così in crisi la consiliatura.

Le defezioni riguardano “Obiettivo Molfetta” e i “Popolari” che nei loro interventi hanno definito la città “imballata” nonostante il cambio della Giunta comunale. “Mi auguro che i gruppi consiliari che fanno riferimento a partiti storici di antica e consolidata cultura democratica consentano il dibattito in aula sulle ragioni dello scioglimento in modo che ciascuno possa dirne alla luce del sole le motivazioni profonde, evitando così di nascondere i motivi veri dello scioglimento dell’istituzione comunale. Tutto questo proprio in relazione alle reclamate ragioni di trasparenza e di legalità da tempo richiamate”, aggiunge Minervini che continuerà “a svolgere gli atti urgenti e necessari alla città, perché le Istituzioni non possono avere vuoti e le esigenze istituzionali sono prevalenti e non possono essere scalfite da reazioni cosiddette politiche”.

Promo