Tentata estorsione a un cantiere edile di Triggiano, condannato 30enne

210 Visite

l gup del Tribunale di Bari Paola Angela De Santis ha condannato alla pena di 4 anni di reclusione il pregiudicato 30enne Luigi Siena accusato di una tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni di un cantiere edile di Triggiano, nel Barese.

La vicenda risale al maggio 2014. Siena avrebbe tentato di imporre una assunzione per il servizio di guardiania con compenso mensile di 1.500 euro, non riuscendovi per il rifiuto della vittima. Al termine del processo, celebrato con il rito abbreviato, la giudice ha assolto Siena e il co-imputato Giovanni Pilolla, 32enne, difeso dall’avvocato Libio Spadaro, da un’altra accusa di tentata estorsione -risalente al settembre 2014- ad una azienda di calcestruzzi. Secondo l’accusa, ritenuta dalla gup insussistente, i due avevano preteso 2 euro al metro cubo come compenso qualora fossero riusciti a procacciare alla ditta nuovi clienti.

Promo