Imbratta murales di Falcone a Trinitapoli, l’ira del Sindaco: “Sarai denunciato”

85 Visite

“A te che hai deciso di dilettarti con il gesso sul murales di Giovanni Falcone in piazza Santo Stefano, riproducendo un tuo autoritratto senza autografo, sappi che sei stato ripreso dalle telecamere e denunciato all’autorità”. Lo ha scritto sul suo profilo social il sindaco del comune di Trinitapoli, nella zona ofantina della provincia di Barletta – Andria – Trani, Emanuele Losapio, rivolgendosi al presunto esecutore di disegni sconci su un murales che riproduce il volto del giudice antimafia ucciso a Capaci nel 1992.

“Pagherai per il danno che hai creato alla collettività -scrive ancora Losapio- e, soprattutto, alla memoria del giudice Giovanni Falcone. Vergogna!”. Il primo cittadino riferisce anche che le scritte sono state rimosse e invita ad avere rispetto della città, “la vostra città, delle opere e dei simboli che rappresentano”.

Promo