Stanco di aspettare, aggredisce medico del Pronto soccorso a Cerignola. Indaga la Polizia

143 Visite

Stanco di aspettare il proprio turno, un 30enne ha aggredito ieri sera un medico in servizio al Pronto Soccorso dell’ospedale Tatarella di Cerignola, nel foggiano. Il medico non ha riportato alcuna ferita ma nei momenti di concitazione il 30enne ha mandato in frantumi una statuetta sacra. Al vaglio della polizia ci sono le registrazioni delle telecamere a circuito chiuso del nosocomio.

Sull’aggressione è intervenuto anche il primo cittadino di Cerignola, Francesco Bonito, che parla di “una vera e propria roulette russa” a cui sono sottoposti gli operatori sanitari “perché sospesi tra il duro lavoro e la possibilità di essere aggrediti in corsia”. Bonito aggiunge che “il Pronto Soccorso di Cerignola, al pari della quasi totalità dei Pronto Soccorso di Puglia, vive una situazione drammatica per quanto riguarda la carenza di personale: la Asl sta cercando di tamponare l’emergenza e spingeremo affinché si trovino soluzioni efficaci, rapide e di sistema”.

Promo