Al Policlinico Riuniti di Foggia diventa mamma malgrado tumore. Cure e menopausa indotta

131 Visite

Prima la diagnosi di un tumore al seno, poi le speranze infrante di diventare mamma per la seconda volta a causa della menopausa precoce indotta dalle cure. E poi la scoperta che ha lasciato increduli anche i medici: Chiara, leccese di 28enne da anni trasferitasi a Manfredonia, in quella fase difficile della sua vita ha scoperto di essere incinta e ora lei e il marito Lorenzo stringono tra le braccia Enea il loro secondo genito nato nove mesi fa.

La storia è raccontata dal reparto Breast Unit del Policlinico Riuniti di Foggia coordinato da Marcello di Millo e tutta la sua equipe. “Quando Chiara – ricordano i medici – ha scoperto di essere incinta 15 mesi fa nel periodo successivo alla prima operazione, le cure oncologiche e la menopausa forzata, l’ha subito raccontato ai medici tra lo stupore e l’incredulita’ di tutti. Enea aveva deciso di nascere a tutti i costi”.

Ora Chiara ed il marito Lorenzo hanno chiesto a Di Millo e alla ‘case manager’ del reparto di Senologia Chirurgica, Alessandra Ena, di essere padrino e madrina del piccolo l’8 dicembre quando ci sarà il suo battesimo.

“Siamo stati felicissimi di questa sua richiesta -afferma il coordinatore di senologia Marcello di Millo- Nel momento in cui ad una donna viene diagnosticata questa malattia, noi cerchiamo di farla sentire in famiglia. Così è stato per Chiara”. “Ma questa volta -conclude- è stata lei a farci sentire parte integrante della sua famiglia”.

Promo