Camere di Commercio, il commissario Chiarelli: “Sì all’accorpamento tra Taranto e Brindisi”

72 Visite

“La sentenza del Tar consente al Commissario ad acta, Claudia Sanesi, di riavviare la procedura per arrivare, nel breve periodo, a costituire la Camera accorpata di Brindisi-Taranto ed all’insediamento del nuovo Consiglio camerale. Questa è una buona notizia”. Lo afferma in una nota il commissario straordinario della Camera di Commercio di Taranto, Gianfranco Chiarelli, commentando la sentenza del Tar del Lazio che ha dichiarato improcedibile il ricorso della Camera di commercio di Brindisi finalizzato ad annullare il decreto di accorpamento fra l’Ente camerale brindisino e quello di Taranto.

Il provvedimento del tribunale amministrativo regionale “consente -aggiunge Chiarelli- agli Enti di lavorare su una prospettiva concreta di futuro, ponendo termine alle incertezze derivanti dalla sospensiva. La fusione contribuirà inoltre alla conclusione del complessivo processo di riforma del sistema camerale. Ciò senza che vi sia per nessuna delle due Camere, tanto meno per quella di Taranto che attualmente mi onoro di guidare, alcun rischio relativamente al personale, alla sede o alla capacità di intervento sul territorio”.

Chiarelli spiega che continuerà “nel ruolo assegnatomi da Ministro dello Sviluppo Economico” ad assicurare “tutte le attività ordinarie e straordinarie della Camera di commercio di Taranto, in stretta interazione con le rappresentanze economiche e sociali della provincia, affinché nessuna occasione di sviluppo per le nostre imprese sia persa nei mesi che ci separano dalla costituzione del nuovo Ente”.

Promo