Amati (Pd) su dimissioni Lopalco: “Disumano usare la vicenda del bimbo malato di Sma per le loro beghe politiche”

154 Visite

“Che tristezza. È disumano utilizzare una vicenda dolorosa e scaraventarla nel dibattito politico per giustificare dissidi, incomprensioni o dimissioni. L’obbligo di somministrare la terapia genica ai bimbi affetti da Sma è dettato dalla scienza giuridica, ossia dalla normativa. La legge dice che per la somministrazione del farmaco serve la prescrizione di uno specialista neuropsichiatra e non di un igienista impegnato nei talk show; prescrizione che nel caso del piccolo Paolo è arrivata. Su questo caso Emiliano e io pratichiamo dunque la scienza giuridica e non il politichese travestito con infondati tecnicismi”. Lo dichiara il presidente della Commissione della regione Puglia al Bilancio e alla programmazione, Fabiano Amati (Pd), rispetto alle dichiarazioni rilasciate da Pier Luigi Lopalco nell’intervista a la Repubblica, in merito alle ragioni delle dimissioni da assessore alla Sanità della regione Puglia.

Lopalco ha fatto riferimento a divergenze sul farmaco da somministrare a un bambino affetto da Sma.”Se l’assessore Lopalco vuole dimettersi per problemi con Emiliano o altre legittime questioni lo faccia pure. Ma è pregato di non argomentare con pensieri antigiuridici”, dice Amati.

“Di fronte dunque a una prescrizione specialistica accordata con le norme italiane, la Regione avrebbe forse dovuto rifiutarsi? Ma per piacere. Qual è il padre o l’amministratore pubblico che può disattendere per via di una sua opinione, una prescrizione medica?”, chiede. “Prego tutti di non lanciare questo argomento nel tritacarne della politica: è ingiusto e disumano”, conclude Amati.

Promo