Finanziamento di 8,8 milioni per la bonifica della discarica di rifiuti radioattivi Cemerad di Statte

166 Visite

Un finanziamento di 8,8 milioni di euro per il 2022 è stato assegnato per il completamento della bonifica della discarica di rifiuti radioattivi ex Cemerad a Statte, comune alle porte di Taranto. Nel sito in questione rimangono ancora poco più di 3mila i fusti, a bassa radioattività da portare via. Sono già stati tutti reinfustati e messi sulle pedane, quindi è solo il trasporto che va organizzato.

L’allontanamento dei fusti dall’ex sito Cemerad è stata avviata dall’ex commissario di Governo per la bonifica di Taranto, Vera Corbelli, mentre da poco più di un anno il ruolo commissariale è passato, con un nuovo decreto, al prefetto di Taranto, Demetrio Martino. In base all’ultimo punto di situazione fatto dall’ex commissario Corbelli, la bonifica del sito Cemerad è “un’operazione al 90% del suo completamento.

Il deposito è in sicurezza e sono stati allontanati oltre 12mila fusti di circa 16.500. Il capannone si estende su 3.848 metri quadri. La rimozione dei rifiuti è stata effettuata dalla società Sogin ed è partita a maggio 2017. L’ex commissario Corbelli ha potuto contare per questa operazione su un finanziamento di 10 milioni derivante da una legge del 2015. Prima dell’avvio della rimozione. l’Ispra ha censito nel deposito una presenza complessiva di circa 16.500 fusti dei quali circa 3.480 potenzialmente radioattivi e 13.020 potenzialmente decaduti. Mario Turco, senatore M5S eletto a Taranto, uno dei vice presidenti M5S, ha dichiarato: “Speriamo che con questi ulteriori finanziamenti si possa dire fine a una delle vicende emblematiche del problema ambientale a Taranto”.

Promo