Ai lavoratori della Brsi di Bitritto viene imposto il cambio sede in Sicilia, Fiom Cgil: “È licenziamento mascherato”

173 Visite

“Licenziamento mascherato per 92 lavoratori Brsi da fusione e trasferimento di sede”. Così la Fiom Cgil di Bari, in una nota diffusa in serata con riferimento alla fusione tra la Brsi (Business Remote Solutions Italia) e la Rsh (Remote Service Holding), per effetto della quale il 13 dicembre i 92 dipendenti della Brsi della sede di Bitritto dovranno prendere servizio presso la sede della Rsh di Misterbianco in provincia di Catania, con un’operazione che chiamano di trasferimento di sede di lavoro. A comunicarlo a Fim, Fiom e Uilm e nazionali e provinciali è stato il management di Brsi.

“Da sempre abbiamo denunciato la poca chiarezza e la mancanza di prospettiva rispetto all’ultima cessione del ramo d’azienda fatta dal colosso industriale informatico Dxc technology vs Solutions30, con la creazione di Brsi, società ad hoc con capitale sociale di soli 10mila euro, operazione costata oltre 13 milioni di euro alla cedente”, si legge nella nota.

“I lavoratori in passato erano stati ricattati con la richiesta di una riduzione del 30% dello stipendio da parte di Solutions30, proposta non accettata nel 2019 che sfociò nell’apertura di una procedura di licenziamento collettivo sventata grazie all’intervento di Fim, Fiom e Uilm con la task force della Regione Puglia e con l’Arpal”, prosegue la nota del sindacato.

“Nonostante l’azienda sia satura di lavoro e pur avendo ancora tutte le commesse attive (Eni, Saipem, Ferrero, Miur, Falck, Motorizzazione civile, Fastweb, ed altre) commissionate dall’unico cliente di Brsi, la Dxc Technology (che aveva in tutte le sedi dichiarato di non avere più interesse verso il ramo ceduto), attualmente i lavoratori sono in cassa integrazione”, conclude la nota sindacale, “come si è già visto in tante altre vertenze sul territorio nazionale, stiamo assistendo a un ricatto occupazionale che di sicuro porterà nuovamente ad un licenziamento collettivo, ancora una volta nel già martoriato Mezzogiorno”.

(Foto: Ansa)

Promo