Il clan della lupara bianca con attività di estorsione ai luna park a colpi di kalashnikov

240 Visite

L’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Bari che oggi ha portato a 8 arresti tra il capoluogo e la provincia di Barletta-Andria-Trani (Bat), oltre ad aver ricostruito 4 casi di lupara bianca, ha portato a contestare nei confronti di alcuni indagati l’estorsione ai danni di alcuni addetti di un luna park itinerante, allestito in occasione di una festa patronale. Secondo l’accusa, sarebbero stati costretti a corrispondere 2mila euro a titolo di protezione, dopo un’azione intimidatoria, consistita nell’esplosione di 53 colpi di fucile mitragliatore tipo Kalashnikov, all’indirizzo di attrazioni ludiche, automezzi e roulotte dei giostrai.

Contestate, infine, la violenza e la minaccia nei confronti di un ufficiale di polizia giudiziaria, all’epoca dei fatti in servizio presso il commissariato di Canosa di Puglia, avvenuta il 7 agosto 2014. Furono esplosi numerosi colpi d’arma da fuoco contro l’auto, parcheggiata nei pressi del commissariato

Promo