Stop a La Nuova Gazzetta, il gruppo editoriale Ledi: “Saremo presto in edicola e sul web con altro marchio”

118 Visite

“Cambiamo marchio, ma per Gazzetta s’intende un pezzo di storia del giornalismo europeo che vuol dire “giornale di notizie” sin dal XVII secolo. È bene non dimenticarlo. È sempre dalla memoria che si parte quando si costruisce il futuro”. Così la società Ledi srl interviene dopo il decreto d’urgenza del tribunale di Bari che ha inibito la società all’utilizzo del marchio “La Nuova Gazzetta di Puglia e Basilicata” perché troppo simile a quello della storica testata “La Gazzetta del Mezzogiorno”.

“Come si dice dalle nostre parti: ‘Sotto il guasto viene l’aggiusto. Per il Sud questo ed altro -dice Ledi- . Rispettiamo la decisione del giudice ma non perdiamo l’entusiasmo di essere presto in edicola, sul web e sui social network con il nostro progetto editoriale dedicato alle cittadine e ai cittadini di Puglia e Basilicata a cui non si può negare una voce libera ed indipendente in più”.

Promo