Aggressione su un bus tra Carosino e Grottaglie: passeggero tenta di accoltellare il controllore

313 Visite

Momenti di panico su un bus per il verificarsi di un episodio fuori dall’ordinario che ha visto un controllore cadere vittima della furente aggressione di un utente indisciplinato. A bordo del pullman di linea regionale, nella tratta che collega Carosino a Grottaglie, un passeggero dinanzi alla richiesta di esibire il biglietto ha reagito violentemente contro l’operatore del Ctp – Consorzio Trasporti Pubblici di Taranto – prima lanciandogli contro il titolo di viaggio vidimato, e, in preda ad un’ira accesa, ha perseguito nel suo atteggiamento sopraffattore. Il viaggiatore si è scagliato contro il dipendente pubblico sfoderando un coltello con cui ha tentato di sferragli due fendenti e, nonostante l’intento altamente offensivo, ha mancato l’obiettivo, senza causare alcuna lesione.

L’ennesimo episodio di violenza che si registra a bordo dei bus pugliesi, e specificamente, del tarantino, che ha destato il grido d’allarme dei sindacati di categoria, i quali si sono rivolti al prefetto e al questore richiedendo con urgenza la convocazione di un comitato per la sicurezza alla presenza dei vertici delle aziende dei trasporti pubblici. Hanno fatto sentire la propria voce le segreterie territoriali e aziendali del Ctp, di Filt Cgil, Fit Cisl e Uil, che nella denuncia strenua di quanto accaduto sul bus nel tarantino hanno espresso le loro rimostranze: “Informiamo che per l’autore responsabile del grave atto intimidatorio è scattata la denuncia. Le indagini stanno procedendo spedite: sono state raccolte le testimonianze e spetterà ora alla Polizia fare chiarezza in merito a questo nuovo episodio di violenza”.

Dal canto loro, i segretari generali di categoria – rappresentati rispettivamente da Francesco Zotti della Filt Cgil, Vito Squicciarini della Fit Cisl e Carmelo Sasso della UilTrasporti -, esprimono la piena solidarietà al controllore vittima del violento episodio: “Ci auguriamo che il lavoratore possa riprendersi al più presto. Chi è impegnato sulla linea a stretto contatto giornaliero con l’utenza è sempre meno garantito, in relazione non solo alla propria incolumità ma, anche al riconoscimento salariale, sempre più bistrattato ed inversamente proporzionale rispetto a responsabilità e rischi quotidiani, come questo ennesimo episodio brutalmente dimostra. Le istituzioni preposte e il management aziendale devono mettere all’ordine del giorno questa questione – evidenziano i segretari -, il tempo del buonismo è finito, i delinquenti devono capire che ad azioni come queste seguono pene severe senza alcuna agevolazione”.

“Esprimo vicinanza e solidarietà al controllore aggredito e mi auguro che l’autore di questo comportamento violento venga prontamente individuato dalle forze dell’ordine”. E’ il pensiero accorato esternato dal presidente del Consorzio Pubblico dei Trasporti della provincia di Taranto, l’avv. Egidio Albanese. “Apprendo con stupore dell’aggressione avvenuta ieri pomeriggio ai danni di un operatore del CTp. È un fatto inaccettabile, un gesto vile che va condannato senza mezzi termini – aggiunge il presidente Albanese -. “L Azienda sarà accanto al lavoratore anche nell’instaurando processo penale, costituendosi parte civile. Dobbiamo difendere tutti coloro che quotidianamente sono impegnati nel far rispettare le regole. L’impegno dell’azienda sul punto è costante – afferma in conclusione il dirigente -. Sono convinto che in un contesto di tensione sociale generalizzato, più che con la repressione, bisogna intervenire con un incisivo e articolato potenziamento del presidio del territorio e in questo senso mi aspetto che ciascuno faccia la sua parte”.

Vicinanza al dipendente di Ctp aggredito nell’espletamento del suo lavoro, giunge anche dalla politica per voce del consigliere regionale del PD, Vincenzo Di Gregorio. “La cronaca in provincia di Taranto registra ancora un grave episodio in danno di un autoferrotranviere. Questa volta a fare le spese delle intemperanze di un passeggero è stato un controllore del Ctp di Taranto che, stando a quanto si è appreso, ha rischiato di finire accoltellato”, interviene in un punto stampa il consigliere Di Gregorio a supporto del controllore del bus aggredito.

“Innanzitutto esprimo la mia solidarietà al lavoratore e l’augurio più sincero per una sua veloce ripresa. Da quanto riferiscono i sindacati intervenuti sulla vicenda – spiega il consigliere regionale -, le forze dell’ordine avrebbero già denunciato il presunto autore dell’episodio e sono certo che faranno chiara luce su quanto accaduto. E’ arrivato il momento di considerare con maggiore attenzione questi fenomeni sotto il profilo dell’ordine pubblico e di prendere in esame la possibilità di misure specifiche di prevenzione e controllo per garantire la sicurezza di passeggeri e lavoratori”.

Promo