Beni confiscati alla mafia, sgombero coatto di un immobile a Gallipoli e restituito allo Stato

90 Visite

Un immobile confiscato alla mafia nel Salento è stato liberato grazie ad un’azione interforze di polizia e carabinieri, coordinata dalla prefettura di Lecce, a Gallipoli (Le). Si tratta di un appartamento con annesso garage confiscato già nel 2013 ma di fatto mai liberato, e su cui pendeva ordinanza di sgombero rimasta lettera morte.

L’immobile era stato occupato prima da un volto noto alle forze dell’ordine, affidato in prova al servizio sociale, che lo aveva poi lasciato su disposizione delle autorità competenti. Al suo posto però erano subentrati la ex coniuge e la figlia, per cui da 8 anni di fatto quella casa non poteva essere di fatto utilizzata per finalità sociali come previsto dalla normativa vigente.

Nella mattinata di ieri sono state attivate ed eseguite le procedure di sgombero coatto, e l’immobile è tornato nella disponibilità dell’agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata.

Promo